Ferrovie

Il panorama dei trasporti nella regione Veneto è molto complesso, a causa dell’urbanizzazione omogenea che impedisce una razionalizzazione sostanziale della viabilità: raggiungere tutti i centri abitati con un sistema strutturato di mezzi pubblici è una prospettiva che richiederebbe un’organizzazione poco sostenibile. Già alla fine degli anni ‘80 si è iniziato a percepire il bisogno di adeguare il sistema di trasporti ferroviari che si adeguasse ad uno “standard metropolitano”, e fu così che vennero avviati i lavori per un Sistema Ferroviario Metropolitano Regionale (SFMR).   


Con quasi 1200 km di rete ferroviaria, questo sistema copre tutta la fascia centrale della regione, da Vicenza al confine con il Friuli Venezia Giulia. Le stazioni più importanti e frequentate, Venezia S. Lucia, Venezia Mestre, Treviso Centrale e Padova, fanno parte proprio dell’Area Metropolitana, a riconferma del traffico intenso che caratterizza la zona. La rete ferroviaria delineata dal progetto SFMR intende sfruttare le ferrovie già esistenti e integrarle con nuove tratte, che necessiteranno di nuove stazioni. In questo piano è in programma anche il recupero di linee e stazioni già esistenti.

Tra le stazioni più rappresentative troviamo:
Venezia S. Lucia:  è una delle stazioni più frequentate del Sistema Ferroviario, con più di 30 milioni di presenze l'anno. Si sta delineando sempre più come centro commerciale e di ristorazione.  Connessa direttamente alla stazione di Mestre tramite il Ponte della Libertà, è la porta di accesso al centro storico di Venezia cui si connette grazie al sistema di Vaporetti. È collegata con Piazzale Roma grazie al Ponte della Costituzione.
bit.ly/venezia-grandistazioni

Venezia Mestre: è la stazione che collega Venezia S. Lucia al resto delle linee ferroviarie. Si trova in piazzale Pietro Favretti e ospita più di 30 milioni di passeggeri all'anno ed è collegata da un complesso sistema di trasporto urbano composto da taxi, autobus e tram. La stazione rappresenta uno snodo fondamentale nel triveneto, intercettando le maggiori linee nazionali.
bit.ly/mestre-grandistazioni

Treviso Centrale: la stazione di Treviso è in Piazzale Duca d'Aosta. Ubicata sulla linea Venezia-Udine, possiede anche dei binari tronchi per riparazione locomotive. È connessa al servizio di autobus urbano e al suo interno si trovano biglietteria, sala d'attesa e vari punti vendita.
bit.ly/treviso-centostazioni

Padova: la stazione di Padova si trova in Paizzale Stazione. Ubicata sulla linea Milano-Venezia, è una delle stazioni con il maggio afflusso di passeggeri È collegata all'interporto con uno scalo ferroviario apposito. Su di essa confluiscono linee urbane ed extraurbane di trasporto pubblico su gomma, tram e anche i taxi.
bit.ly/padova-centostazioni

Per migliorare l'efficenza del servizio, nel settembre del 2011 viene proposto l’orario cadenzato (ogni 15, 30 minuti) come necessaria soluzione ai problemi di copertura territoriale del servizio ed in seguito, nel 2013, oltre ad un aumento generale delle corse, viene pianificata la costruzione e ristrutturazione di stazioni ferroviarie e vengono realizzati parcheggi di scambio.

La mobilità pubblica su ferro diventa così di fatto la struttura principale dove si poggeranno i servizi di trasporto su gomma, garantendo la possibilità di una tariffazione unica e un’informazione puntuale all'utente. Un sistema che punta ad aumentare l’accessibilità del territorio partendo proprio dalle strade ferrate, ad oggi una vera e propria risorsa sostenibile.